7 commenti su “SAN MICHELE A VENEZIA: L’ISOLA DELLA MEMORIA

  1. Ci son stata qualche giorno fa anche per andare a trovare Stravinsky ma la cosa ancora più curiosa di tutto il cimitero é rovare una tomba di un certo Vladimiro Berovich nato il 19 Giugno del 1900 e morto il 9 Aprile del 1903 con su scritto “Genitori Insonsolabili” con sopra una foto in bianco e nero di un uomo dall’aria veramente sinstra e inquietante

  2. Pingback: GUIDE DIVERSE PER UNA VENEZIA DIVERSA… « “LibroAperto”

  3. Carissima, ero alla ricerca di notizie su Basaglia e dove era sepolto…ho trovato il tuo blog…l’isola della memoria, interessante. Nel mio prossimo giro a Venezia sicuramente andrò sull’isola a pregare sulla sua tomba…anche se lui, come dice nella “fiction” era ateo. La sua grande umanità nel vedere nell’uomo “non la malattia” ma l'”essere umano” in quanto “tale” mi ha colpito….ce ne vorrebbero di BASAGLIA… ciao
    mariuccia

  4. Cara Mariuccia, grazie per aver lasciato una traccia del tuo passaggio e dei tuoi pensieri, mi ha fatto piacere. Ho visto nelle statistiche interne al blog che molte persone hanno cercato la sepoltura di Basaglia in questi giorni e sono giunte qui.
    Nell’articolo sopra non l’ho scritto, ma uno dei motivi che mi aveva spinta a visitare il cimitero di Venezia era proprio portare una rosa a Basaglia che, come sostieni anche tu, sapeva guardare le persone “malate” in modo finalmente umano, sensibile e intelligente. Ti confesso che non è stato facile trovare la sua tomba anche perchè quando ho chiesto ai custodi dov’era mi hanno guardata con aria interrogativa (forse ero la prima “turista” a chiederlo???) e solo dopo un po’ di ricerche nel loro archivio mi hanno detto dove potevo trovarla. Se ti interessa la storia di Basaglia guarda anche il FILM di SILVANO AGOSTI: LA SECONDA OMBRA.
    Ti consiglio comunque di visitare questo cimitero
    non solo per “incontrare” persone celebri, ma anche per vedere quest’isola che nell’insieme ha un gran fascino grazie anche alle strutture architettoniche e alla sua posizione nella laguna.
    Un saluto. Grazie. Alessandra

  5. cara alessandra, leggo volentieri che c’è ancora qualcuno che si ricorda del signor franco basaglia, io sono si trieste e qui ancora oggi c’è gente che ne parla male e soprattutto nesssuno che porta davvero avanti ciò che ha fatto lui, se hai piacere vai a visitare il sito http://www.oltrequellasedia.blogspot.com, noi staimo cercando di portare fuori dal contenitore assistenza le perosne etichettae con la loro disabilità e farle vivere una vita degna di tal nome.
    un abbraccio
    marco

  6. QUALCUNO MI SA DIRE COME MAI NON SI RIESCE A FARE UNA TOMBA DIGNITOSA PER IL GRANDE EMILIO VEDOVA ????AD AGOSTO 2010 SOLO ERBACCE PEZZO DI LEGNO MARCIO E TANTA INCURIA !!!!!!!!!!! CHE VERGOGNA FORSE DOBBIAMO FARLO SEPPELIRE IN UN’ALTRO STATO CHE MAGARI NON LO CONSIDERA SPAZZATURA???? COMPLIMENTI ALLA FONDAZIONE W L’ITALIA……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...